Archivi del mese: settembre 2009

Udinese-Catania 4-2: un film già visto

Riportare il tabellino della gara di ieri sarebbe semplicemente obsoleto dato che ormai lo conosciamo (e lo conoscete) a memoria. Allora niente paternali, niente riflessioni o discorsi. Soprattutto niente stupide pagelle.
Ci limitiamo a divertirci assegnando il titolo di un film a ogni giocatore entrato ieri in campo contro l’Udinese. Escludiamo dalla lista l’arbitro ( per non essere denunciati dai produttori del film che avremmo eventualmente assegnato).
Un immenso ringraziamento a Silvia Barbera per alcune dritte suggerite.

Andujar– Il portiere argentino, incolpevole sui quattro goal, si è sempre impegnato e in un paio di occasioni ha fatto sfoggio del suo talento. Braveheart- Cuore impavido

Bellusci- Conferma il suo ottimo stato di forma fatto vedere in nazionale Under 21 e funge da diga durante le incursioni avversarie dalla destra. Stranamente sostituito da Atzori. Incompreso

Spolli- Una delle garanzie difensive del Catania, difficile passare dalle sue parti. Riesce ad essere veloce ed efficace anche se talora falloso. Questa terra è la mia terra

Silvestre- Logisticamente snaturato nel modulo sperimentale, alterna un buon primo tempo a una ripresa in forte calo. Ma non è da colpevolizzare. Il silenzio degli innocenti

Potenza- Anche lui gioca un buon primo tempo frenando gli attacchi di Di Natale ma inizia a sparire man mano che il tempo scorre. Leggera responsabilità sul rigore inesistente dato all’ Udinese. Un tranquillo week-end di paura

Carboni– Non è stato quello che siamo abituati a vedere. Prova opaca contornata da assopimento e svogliatezza. Quel pomeriggio di un giorno da cani

Delvecchio– Si attende ancora colui che dovrebbe, per esperienza, cambiare il centrocampo. Lo ha cambiato ieri, ma in peggio. Il giovanotto deve ancora entrare nel suo status di grazia: ce la farà? Il paradiso può attendere

Pesce– Bene nel primo tempo (per rallegrare la comitiva), in netto calo nel secondo. Nonostante tutto ha corso tanto dimostrando il suo spirito di sacrificio ma ha la colpevolezza sul quarto goal dei friulani. Mamma, ho perso l’aereo

Mascara– Il factotum rossazzurro non si smentisce e gioca sacrificandosi come sempre. Vale anche per lui un formidabile primo tempo con relativo “ammosciamento” nella ripresa dovuto probabilmente allo scoraggiamento generale. Turista per caso

Ricchiuti– Crea problemi alla retroguardia udinese, propizia la rete del vantaggio etneo ma… puff!… svanisce nella ripresa e qualcuno si chiede ancora se nell’intervallo non sia stato scambiato con un sosia. Qualcosa è cambiato

Morimoto– Il nostro Ronaldo giapponese è decisamente l’unico a non perdere le staffe e dimostra sempre la voglia di combattere. Fino all’ultimo e nonostante non gli arrivino più palloni giocabili. Ronin

Martinez– Ancora troppo invisibile per essere lo stesso Martinez di qualche tempo fa. Per adesso preferisce inseguire le farfalle per i campi di gioco. Salvate il soldato Ryan

Mister Atzori– In tre giornate di campionato ha cambiato tre moduli con lo stesso risultato: primi tempi soddisfacenti o esaltanti, riprese disastrose. Incomprensibile in alcune sostituzioni. Riuscirà a ricompattare il gruppo dopo aver ricompattato sè stesso? Forrest Gump

Annunci

Tutti i numeri di Udinese-Catania

Pasquale Marino contro Gianluca Atzori. Bianconeri contro rossazzurri. Una sfida che sa di nostalgia per alcuni versi ma che bisogna giocare dando l’anima.
Perchè non si possono commettere passi falsi, perchè l’Udinese ha un organico superiore, perchè Marino è sempre Marino (carismatico e imprevedibile).
Ma noi non siamo certo di quelli che stanno a guardare. Al momento ci mancano pedine fondamentali ma con le risorse disponibili possiamo ambire a un risultato positivo.
Bisogna solo crederci e sembra che i rossazzurri siano mentalmente sulla strada giusta dopo la prima, beneamata sosta.
Nell’ Udinese è molto probabile il debutto del centrocampista ex Empoli, Francesco Lodi, al posto di Inler. In avanti è quasi sicuro il tridente Di Natale-Floro Flores-Pepe.
Il Catania potrebbe presentarsi con Campagnolo tra i pali, dopo il leggero affaticamento di Andujar con la nazionale albiceleste. In difesa è quasi sicuro l’impiego di Potenza e Capuano sulle fasce con Silvestre e Spolli centrali, ma Bellusci è pronto ad accaparrarsi il posto da titolare in un 4-3-1-2 che vedrà in mediana Delvecchio, Carboni e Biagianti con Ricchiuti dietro Mascara e Morimoto.
L’incontro sarà arbitrato dal sig. Mauro Bergonzi di Genova, assistito dai guardalinee Claudio Pugiotto di Ercolano e Giannantonio La Rocca di Chioggia.
Il quarto ufficiale sarà il sig. Dino Tommasi di Bassano del Grappa.

I precedenti a Udine

In serie A, Udinese e Catania si sono incontrati già sei volte allo stadio “Friuli”.
Tre vittorie per i bianconeri, tre per i rossazzurri, un solo pareggio che risale alla scorsa stagione.
Sette le reti dei friulani, sei quelle degli etnei.
Gli unici calciatori andati a segno ancora in attività con le rispettive squadre sono Mascara e Di Natale.

20 feb 1955
Udinese–Catania 1-0 (41′ Selmosson)

20 nov 1960
Udinese–Catania 0-1 (63′ Calvanese)

19 nov 1961
Udinese–Catania 0-1 (12′ Prenna)

18 set 1983
Udinese–Catania 3-1 (9′ aut. Marchetti, 30′ Zico, 62′ Zico, 75′ Marchetti)

28 apr 2007
Udinese-Catania 0-1 (52’ Spinesi rig.)

27 apr 2008
Udinese-Catania 2-1 (6′ Di Natale, 34′ Vargas, 38′ Quagliarella)

15 mar 2009
Udinese-Catania 1-1 (25′ Mascara, 71′ Quagliarella)

N.B. : Le partite in streaming sono adesso quasi tutte a pagamento, ma vi lasciamo il link da dove eventualmente provare a trovare un canale disponibile.
Ricordatevi l’eventuale software da scaricare.
CANALI Streaming Udinese-Catania


Radiocronaca diretta Radio Sis ( domenica ore 15 )

Rientrano Morimoto e Capuano, problemi per Alvarez, Biagianti e Marchese

takamotoDopo l’amichevole giocata contro il Marsala, lo scorso sabato, e vinta per 1-0 con rete di Mascara, il Catania si ritrova con altri tre giocatori costretti a saltare il match di Udine di domenica prossima.
Si tratta di Pablo Alvarez, Giovanni Marchese e Marco Biagianti. Per Alvarez una distrazione al legamento collaterale del ginocchio destro, per Biagianti una distorsione alla caviglia sinistra, per Marchese una distorsione al ginocchio sinistro.
Notizie buone, invece, per Capuano e Morimoto che si sono ripresi  del tutto e giocheranno contro i friulani.
Ciro Capuano è stato sottoposto sabato scorso a esame ecografico che ha confermato il superamento dell’ infortunio.
“Adesso sto meglio- dichiara il difensore etneo- dopo l’infortunio a Parma mi sono arrabbiato perché mi ero fatto male, ma non me la sono presa con nessuno. Chiedo scusa al medico sociale, non ce l’avevo con lui”-.
Intanto Pablo Barrientos si prepara per una nuova visita di controllo a Roma. Il suo ritorno in campo, a pieno ritmo, potrebbe essere sicuro per fine dicembre.
Oggi pomeriggio, a Massannunziata, erano assenti Andujar, Bellusci, Sciacca e Martinez, impegnati con le rispettive Nazionali.
Si respira un’ atmosfera positiva nel gruppo di Atzori, che sta preparandosi alla trasferta di Udine con minuziosità e autostima.

Ledesma c’è. Pesce e Marchese si presentano.

Pablo ledesma

Pablo Ledesma

Applauditi dai tifosi rossazzurri durante il loro primo allenamento in rossazzurro, Simone Pesce e Giovanni Marchese hanno inaugurato ieri pomeriggio il loro arrivo al Catania rilasciando dichiarazioni ricche di entusiasmo.
“Da tempo si parlava del mio arrivo a Catania. Sono felice che finalmente la trattativa sia andata in porto- dichiara Simone Pesce -. Sono un giocatore di fascia sinistra, posso giocare sulla linea arretrata o a centrocampo, ad Ascoli ho fatto entrambe le cose, deciderà Atzori in quale ruolo schierarmi”.
Il “rientro alla base” di Marchese è contornato dall’entusiasmo nelle dichiarazioni del difensore nisseno:
“Sono felicissimo di essere tornato a Catania. Qui mi sento a casa e ritrovo tanti amici. Conservo ancora il ricordo della festa per la conquista della massima serie: fu da brividi. Quando Lo Monaco mi ha proposto di tornare, gli ho detto immediatamente di sì”.
Poi, un riferimento al suo probabile impiego in difesa e un pensiero a Ciro Capuano:
“Mi auguro che Ciro riesca a recuperare in fretta, ma se dovessero convocarmi per Udine, sono in condizione di andare in campo da subito”.

Buone notizie dall’infermeria del Catania. Ciro Capuano, uscito per un problema muscolare dopo pochi minuti domenica sera a Parma, potrebbe già essere impiegato nella traferta di Udine. Per lui è stato programmato un lavoro differenziato.
Morimoto, che a Parma era rimasto in panchina e che accusa una di primo grado del retto femorale sinistro, dovrà rinunciare alla convocazione nella Nazionale giapponese per le due amichevoli che si giocheranno in Olanda nei prossimi giorni.
Assenti agli allenamenti: Kosicky, in permesso, e i nazionali Andujar, Martinez e Bellusci.
Lavoro a parte per Izco, alle prese con dei problemi muscolari, e per Carboni, in via precauzionale.
Ancora in fase di recupero Pablo Barrientos che potrebbe essere disponibile entro dicembre.
Grandi progressi per la condizione di Pablo Ledesma che ha ottime chances di rientrare in campo in questo stesso mese.