Il Catania spreca ancora: 0-0 a Cesena

Barrientos in azione a Cesena (Lapresse)

C’erano tutte le premesse, ieri sera, per portar via tre punti facili dal “Manuzzi” e raggiungere l’Inter in classifica. Ma non tutto è sempre così facile come può apparire quando in campo si scende col piglio sbagliato e vengono a mancare quella rabbia, quella fame, quella cattiveria che insieme danno gas.
Dal 20′ fino alla fine i rossazzurri hanno giocato con il vantaggio numerico dato che l’arbitro Rocchi, graziosamente mandato a quel paese da Pudil, estraeva il cartellino rosso lasciando il Cesena in dieci.
Stessa sorte toccata al tecnico Beretta che ne ha dette di peggio pochi minuti dopo. E la cosa poteva ripetersi ancora con Santana, risparmiato dal direttore di gara. E poi ancora, un calcio di rigore molto evidente per l’atterramento di Gomez, in area, viene giudicato fuori e si “trasforma” in calcio di punizione dal limite.
La squadra romagnola è apparsa fin d subito priva di idee e di gioco, facendo capire che in effetti la posizione che occupa in classifica rispecchia palesemente il rendimento in campo.
Ma non è stato brillante nemmeno il Catania che pareva essere in vacanza forzata: miriadi di passaggi sbagliati o prevedibili, poco fiato e molti dei giocatori-chiave quasi in debito d’ossigeno.
Tante le occasioni sprecate sotto porta, per la gioia di Antonioli, tanto possesso palla senza lucidità. Eppure quelle  vere incursioni (a dire la verità, non così poche ma sicuramente ghiottissime) potevano sfociare nel tanto sperato goal.
Alla fine, pareggio a reti bianche ed esplusione di Almiron per fallo di reazione dopo una provocazione di Comotto.
Arriva un punto che serve comunque ai rossazzurri per staccarsi dal trio completato da Palermo e Chievo a 34 punti.
Balzo all’ottavo posto, dunque, in attesa di ricevere la Fiorentina al “Massimino” domenica prossima.
C’è uno stadio da riempire, domenica appunto, per sostenere i nostri ragazzi!

Il tabellino del match

Cesena (4-3-1-2): Antonioli; Comotto, Rodriguez, Moras, Pudil; Colucci (26′ Rossi), Guana, Parolo; Santana (63′ Martinho); Mutu (46′ Arrigoni), Iaquinta.
A disp.: Ravaglia, Ceccarelli, Rennella, Martinez. All: Beretta.

Catania (4-3-3): Carrizo; Motta, Bellusci, Spolli, Marchese (54′ Llama); Izco, Lodi, Almiron; Barrientos (75′ Ricchiuti), Gomez (65′ Catellani), Bergessio.
A disp: Kosicky, Capuano, Legrottaglie, Seymour. All. Montella.

Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze
Assistenti: Giachero di Pinerolo – Comito di Torino
Quarto ufficiale: Gava di Conegliano.

Ammoniti: Santana, Parolo, Arrigoni, Motta, Comotto.

Espulsi: Pudil, Almiron.

Calci d’angolo: 5-10
Possesso palla: 31%-69%
Tiri in porta: 3-7

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...