Al Napoli il sogno, al Catania l’incubo Calvarese

Vittoria al Napoli, sconfitto Calvarese.

Vittoria al Napoli, sconfitta amara per Calvarese.

Iniziamo subito col dire che fra tutte le candidate allo scudetto, solo il Napoli è la squadra che davvero lo merita e se ciò accadesse ci farebbe un piacere immenso.
Meno piacevole è invece stata la farsa dell’arbitro Calvarese, a nostro avviso troppo acerbo per dirigere un match di serie A.
Il fischietto di Teramo ha diretto a senso unico (chi ne capisce di calcio se ne sarà accorto):
il fallo di mani di Zuniga in area è stato giudicato involontario quando invece il giocatore si è chiaramente sistemato il pallone;
Grava andava espulso per una chiara manata a Gomez: il difensore se l’è cavata con un inspiegabile e ridicolo cartellino giallo;
ad inizio di ripresa, annullato il goal a Bergessio per fallo su Zuniga: il giocatore rossazzurro si era liberato proprio da una trattenuta dello stesso Zuniga;
fallo di mano di Behrami, già ammonito, a centrocampo: nessuno ha visto.
Se poi ci mettiamo tutti i falli fischiati contro il Catania e quelli non fischiati contro il Napoli, notiamo quanto sia evidente la mediocrità del direttore di gara e da parte della sua troupe.
Poi ci sono anche gli errori commessi dagli etnei, primo fra tutti il goal gentilmente offerto ad Hamsik: difesa ferma, ben quattro uomini beffati da un pallone che tagliava tranquillamente l’area piccola.
Aggiungiamoci la clamorosa occasione fallita da Barrientos e via via tutto il resto.
Alla fine il nostro Maran paga anche le pesanti assenze e deve farsene una ragione, come tutti noi d’altronde. Non certo come certi pseudotifosi che attendono una sconfitta per dare addosso al tecnico e alla società: quelli contano meno del due di coppe a briscola.
Così doveva finire e così è finita, secondo Calvarese.
Prossimo appuntamento a Bergamo, nel covo dell’Atalanta, per tornare alla carica.

Il tabellino del match (2-0)

Marcatori: 31′ Hamsik, 44′ Cannavaro.

Napoli (3-4-1-2): De Sanctis; Grava, Cannavaro, Gamberini; Mesto, Behrami (63′ Inler), Dzemaili, Zuniga (84′ Armero); Hamsik (77′ Insigne); Pandev, Cavani.
A disp.: Rosati, Colombo, Donadel, Rolando, El Kaddouri, Calaiò. All.: Mazzarri.

Catania (4-3-3): Andujar; Bellusci, Rolin, Spolli, Capuano; Izco, Lodi (87′ Doukara), Biagianti (72′ Almiron); Barrientos, Bergessio, Gomez.
A disp: Frison, Terracciano, Potenza, Augustyn, Salifu, Ricchiuti, Keko. All.: Maran.

Ammoniti: Behrami, Spolli, Grava, Dzemaili.

Arbitro: Gianpaolo Calvarese di Teramo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...