Hellas Verona-Catania 4-0: gli etnei staccano il biglietto per la B

toni_catania

Che il Catania di questa stagione finisse così il campionato non era assolutamente prevedibile. Lo è diventato quasi subito dopo le prime giornate. -“Sfortuna, troppi infortunati, spogliatoio spaccato, pessima gestione societaria, mancanza di entusiasmo, calciomercato deludente”- abbiamo pensato tutti, dal primo all’ultimo tifoso- ma volevamo credere soltanto a un periodo storto, a una parentesi che si sarebbe presto chiusa con la ripresa dei risultati e, soprattutto, con un radicale cambio di atteggiamento del gruppo.
E invece è venuto a mancare tutto, ma proprio tutto. A partire dal non gioco, fino ad arrivare alla “latitanza” in campo degli elementi considerati più preziosi, e sottolineamo coloro che non erano infortunati e su cui si puntava per le sorti della nostra squadra.
In buona sostanza, si è iniziato male e si è finito peggio nonostante la quota salvezza notevolmente bassa e le antagoniste che non prendono punti da tempo. Ma le altre squadre in lizza per la salvezza, almeno, un minimo di gioco l’hanno dimostrato. Noi no. Ci preme specificare che i tecnici che si sono alternati hanno fatto quel che potevano con ciò che “passava il convento”.
E così, anche se la matematica non ha deciso, il campo lo ha fatto intuire da tempo: siamo pronti per la cadetteria!
Tabula rasa e ricominciare a valorizzare i giovani, basta con la colonia argentina. Vediamo di ricostruire al meglio un gruppo che possa tornare entro breve tempo nel massimo campionato.
Quella giocata a Verona è stata una gara che ha offeso i nostri colori, ha offeso noi tutti che siamo innamorati della maglia rossazzurra: diamola a chi sa indossarla con onore e spirito di sacrificio. Pagelle? Un bel 4 collettivo è già molto generoso.
Rimangono le ultime tre gare (la prima è contro la Roma, al “Massimino”): cerchiamo almeno di concludere con dignità questo campionato che si può definire con un solo aggettivo: ridicolo.

Il tabellino del match

Marcatori: 6′ Toni, 28′ aut. Frison, 45′ Marquinho, 75′ Gomez.

Hellas Verona (4-3-3): Rafael; Pillud, Moras, Marques, Albertazzi; Sala, Donadel, Hallfredsson; Iturbe (37′ Gomez), Toni (75′ Cacia), Marquinho (63′ Jankovic).
A disp.: Nicolas, Borra, Cirigliano, Gonzalez, Agostini, Cacciatore, Maietta, Donsah, Rabusic. All.: Mandorlini

Catania (4-3-3): Frison; Peruzzi, Rolin, Spolli (46′ Gyomber), Monzon (81′ Biraghi); Rinaudo, Lodi, Plasil; Barrientos, Bergessio (65′ Caruso), Leto.
A disp.: Ficara, Capuano, Legrottaglie, Izco, Caruso, Keko, Castro, Fedato, Boateng. All.: Pellegrino

Ammoniti: Rolin, Monzon, Rinaudo

Arbitro: Carmine Russo di Nola

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...