Archivi tag: pablo ledesma recupero

Catania-Lazio 2009/10: precedenti e curiosità

Per dieci volte i rossazzurri hanno incontrato la Lazio “in casa” nel campionato della massima serie. Otto volte al “Massimino” (ex Cibali), due volte in campo neutro ( Palermo e Lecce ).
Il bilancio vede in netto vantaggio il Catania con 7 vittorie, 2 pareggi, 1 sola sconfitta.
14 reti per gli etnei, 4 per i laziali. Un solo incontro è finito a reti inviolate: il 12 dicembre 1965.
Curiosità:
-nei primi 4 incontri,ben 5 reti sono state segnate fra l’82’ e l’84’ (4 per il Catania, 1 per la Lazio).
-è la prima volta che le due squadre si incontrano a Catania a settembre.
-l’unico marcatore ancora in attività con la stessa squadra è Rocchi (Lazio)

I dieci precedenti in serie A:

07 nov 1954
Catania–Lazio 1-0 (83′ Manenti)

30 apr 1961
Catania–Lazio 0-1 (82′ Morrone)

05 apr 1964
Catania–Lazio 1-0 (82′ Cinesino)

31 gen 1965
Catania–Lazio 3-0 (34′ e 83′ Facchin, 84′ Danova)

12 dic 1965
Catania–Lazio  0-0

22 nov 1970
Catania–Lazio 3-1 (2′ Baisi, 11′ Massa, 74′ Vaiani, 75′ Bonfanti)

01 apr 1984
Catania–Lazio 1-1*(19′ Carnevale, 66′ D’Amico rig.)
*campo neutro di Palermo

21 ott 2006
Catania-Lazio 3-1*(36’, 53’ Colucci, 45′ Spinesi, 56′ Rocchi)
*campo neutro di Lecce

20 apr 2008
Catania-Lazio 1-0 (34′ Spinesi rig.)

21 mar 2009
Catania-Lazio 1-0 (24′ Paolucci)

Arbitra Morganti

A dirigere l’incontro di domenica 20 settembre, ore 15.00, sarà il sig. Emidio Morganti della sez. di Ascoli Piceno.
Ad assisterlo, i due guardalinee Sandro Rossomando di Salerno e Flaviano Lanciano di Bari, quarto ufficiale Gianpaolo Calvarese di Pesaro.

Qui casa Catania

Sembra quasi certo il rientro di Biagianti e Capuano che ieri hanno dimostrato progressi nella consueta seduta di allenamento a Massannunziata.
Per Pablo Ledesma potrebbe esserci la prima convocazione post-infortunio, ma in questo caso è quasi sicuro che l’argentino potrà solo accomodarsi in panchina.
Il modulo che Atzori adotterà potrebbe accostarsi molto a un 4-4-2 “trasformabile” in 4-3-1-2 con Ricchiuti dietro Mascara e Morimoto.

Qui casa Lazio

Dopo la rocambolesca sconfitta in Europa Leaugue contro il Salisburgo, Ballardini ha intenzione di schierare la stessa formazione.
Cribari torna dopo aver scontato la squalifica. Rientra anche Zarate. Brocchi ancora assente, forti dubbi per l’impiego di Rocchi.
In porta si potrebbe rivedere l’ex Bizzarri al posto di Muslera, ipotesi che renderebbe più “saporito” il match.

Annunci

Un Catania travolgente in attesa della Cremonese

takamotoIl gruppo c’è e si sente. Si vede anche. E le impressioni date dai rossazzurri sono votate all’ottimismo.
A partire dall’amichevole giocata ieri a Massannunziata contro il Biancavilla (campionato Eccellenza). Togliendo il divario tecnico fra le due formazioni, si è vista la squadra di Atzori ben messa, molto aggressiva e con una compattezza fra i singoli che lascia sperare oltre ogni rosea previsione.
13-0 il risultato finale (che importa poco) con doppietta di Mascara, poker di “Takamoto”, doppietta anche per Delvecchio e reti di Biagianti, Plasmati, Catellani, Potenza e Antenucci.
Ha molto impressionato Adrian Ricchiuti che, a questo punto, sarà sicuramente uno dei punti fermi del nuovo Catania. Gloria anche per Catellani che macina gioco come un buldozer, Antenucci generosissimo e Suarino che sembra voler lanciare messaggi al Mister.
Insomma, ce n’è per tutti e il problema per Atzori sarà combinare la formazione titolare: un problema che tutti vorrebbero avere.
Se poi si aggiunge il recupero-record di Ledesma, c’è da dormire fra dodici guanciali. L’argentino ha bruciato le tappe e il suo rientro potrebbe essere realtà già tra settembre e ottobre.

Sul fronte calciomercato, intanto, si attende che Bergessio ottenga il passaporto comunitario. Lo Monaco sta lì, pronto a sferrare il colpo che, comunque, secondo accordi economici già presi col calciatore e il S.Lorenzo, non dovrebbe essere utopia.
In attesa anche la conclusione della trattativa per Simone Pesce, difensore dell’Ascoli, che dovrebbe concludersi con la partenza di Antenucci al club marchigiano, più un conguaglio economico.

Lo Monaco sugli abbonamenti

Intervistato dal quotidiano “La Sicilia”, l’A.D. Pietro Lo Monaco risponde così quando gli si chiede se il prezzo dell’abbonamento al “Massimino” non sembri un po’ eccessivo:
“Abbiamo fatto un calcolo generale: non è vero che, nel suo insieme, l’abbonamento è il più alto. Se paragonate il costo della curva, per esempio, con Palermo, è vero che da noi costa un po’ di più. Ma in B, per esempio, si pagano venticinque euro a partita, cioé di meno. Nel suo insieme, dico suddiviso per capienza, settori e posti disponibili, siamo tra i meno cari in assoluto. Ripeto, per noi lo stadio pieno è un grande sostegno, più che economico, morale, di grande forza per la squadra e per i risultati. La voce abbonamenti in Serie A, in termini di entrate e, dunque, di bilancio, incide tra il quinto e il sesto posto di quel che serve per vivere. La gente per noi è fondamentale per l’affetto, per il suo calore, ovviamente anche per il contributo economico che ci dà. Sapere di essere apprezzati, sentire la fiducia di chi poi viene la domenica a tifare, vale molto di più che incassare più o meno euro“.

Poco più di 8.000 abbonati quando mancano solo due settimane al campionato. Lo Monaco fa sapere:
““Sabato prossimo sarà Coppa Italia e, poi, la domenica successiva via con la Sampdoria. Terremo la campagna abbonamenti aperta fino alla seconda in casa. Il 23 agosto esordiremo con la Samp, poi giocheremo due volte di fila fuori e con in mezzo una sosta. Insomma, ci si potrà abbonare fino al 19 settembre, il giorno prima di ricevere la Lazio. Aspettiamo fiduciosi. Noi sogniamo da sempre uno stadio di soli abbonati, vuol dire avere la certezza di stare in mezzo a chi ti vuole bene, anche quando può capitare la giornata storta“.