Archivi del mese: dicembre 2010

Mariano e Maxi portano il Catania a quota 21

Terzo goal stagionale per Maxi.

Che le gare della 17ª giornata non abbiano offerto granchè dal punto di vista della quantità (eccezion fatta per Lazio-Udinese) dimostra quanto questo campionato sia strano. Strano e a volte stitico.
Ne sanno qualcosa i manager dei vari “fantacalci” che domenica sera sono rimasti in gran parte delusi dal magro bottino venuto fuori da tutti i campi.
Che il match contro il Brescia sarebbe stato non facile lo si sapeva già fin dalla vigilia. E invece Mister Giampaolo è tornato al 4-1-4-1 (in verità mascherando l’effettivo 4-3-3) per mettere nel salvadanaio i tre preziosissimi punti contro una tra le più dirette concorrenti per la permanenza nella massima serie.
C’è poco da analizzare se si tiene conto delle pesanti assente tra i rossazzurri, se si considera che il cambio di panchina nei lombardi e la loro ultima vittoria avevano dato entusiasmo e motivazioni in più alla squadra di Beretta.
In realtà è stata come una partita a scacchi che il tecnico rossazzurro ha saputo amministrare alla meglio senza dover faticare poi così tanto. E ogni pezzo della scacchiera è stato mosso a dovere.
Buon esordio di Pesce in campionato, un Ledesma ritrovato ma soprattutto un cinico Maxi Lopez e un istintivo Andujar. Con l’aggiunta delle piacevoli giocate di Gomez e compagni, la pratica è stata risolta.
Le occasioni da rete sono fioccate dall’una e dall’altra parte ma sostanzialmente il gioco è stato di marca rossazzurra.
Indaffaratissimi i due portieri: prima Sereni su gran botta di Ricchiuti, poi il gioiello di Maxi per l’1-0, quindi Andujar miracolosamente su Eder, ancora Sereni su Gomez nella ripresa per poi superarsi neutralizzando la schiacciata di testa di Silvestre. Verso la fine, Carboni sventa la possibilità di pareggio di Daprela salvando sulla linea.
L’ultima palla-goal è ancora per Maxi Lopez che viene chiuso da Sereni. Fischio finale e tutti in vacanza, col Catania a 21 punti in classifica.

Si torna in campo il prossimo 6 gennaio, all’Olimpico, contro la Roma che è riuscita a sconfiggere il Milan capolista.
Il girone d’andata sarà poi concluso con la gara interna contro l’Inter reduce dalla vittoria nel Mondiale per Club.
Non saranno passeggiate, questo è certo, ma non saranno nemmeno partite da affrontare già rassegnati. Al contrario, visto che questo campionato offre cose inaspettate, è il caso di servirsi di quello che offrirà.
Al momento è meglio godersi questa vittoria, questa posizione (ben otto squadre sotto il Catania) e le festività natalizie.
Gli auguri più sinceri al nostro Maxi per la nascita di Costantino, almeno un grande ricordo che lo legherà per sempre a Catania.
Auguri a chi ci segue e ci legge. Nonostante le feste noi ci saremo sempre per potervi informare sulle tante novità di calciomercato di cui già si parla.

Annunci

Catania-Brescia 1-0: video Sky Sport

La sintesi del match condivisa su YouTube dagli amici di Mondocatania.Tv

Catania-Brescia (1-0): streaming live e radiocronaca

 

CATANIA(4-1-4-1): Andujar; Alvarez, Silvestre, Bellusci, Capuano; Carboni; Gomez (90′ Delvecchio), Ledesma, Ricchiuti (68′ Izco), Pesce (66′ Llama); Maxi Lopez.
A disposizione: Campagnolo, Marchese, Sciacca,  Antenucci. All: Giampaolo.

BRESCIA (4-3-3): Sereni; Zambelli,  Bega,  Mareco,  Martinez (71′ Daprela); Baiocco, Budel, Hetemaj (76′ Taddei); Diamanti, Possanzini, Eder (53′ Feczesin).
A disposizione: Arcari, Dallamano,  Taddei, Filippini, Vass. All.: Beretta

ARBITRO: Daniele Orsato di Schio
Assistenti: Bianchi (Lucca) – Altomare (Molfetta)
Quarto ufficiale: Massimiliano Velotto di Grosseto

Marcatore: 33′ Maxi Lopez

Ammoniti: Capuano e Llama (Catania); Martinez, Hetemaj, Diamanti, Mareco (Brescia).

Catania-Brescia streaming live
(disponibile solo con apposito software)

Radiocronaca Radio SIS
(di Angelo Scaltriti)

Webcronaca sito ufficiale

Fantacalcio 2010/11: i consigli per la 17ª giornata

E’ l’ultimo turno dell’anno e già si avverte la malinconia delle prossime settimane senza  Fantacalcio ma ci sono tanti altri motivi per stare allegri (feste natalizie a parte):
calciomercato di gennaio con annessi arrivi e partenze, possibilità di recuperare molti giocatori che abbiamo “posteggiato” per infortunio nella nostra rosa, il fatto di poterci rilassare mentalmente un po’.
Intanto iniziamo a dare un’occhiata agli squalificati di questo 17° turno:

Brocchi (Lazio), Campagnaro, Aronica, Cannavaro e Pazienza (Napoli), Chevanton (Lecce), Felipe Melo (Juventus), Martinho e Morimoto (Catania), Mudingayi (Bologna), Nenè (Cagliari), Rigoni (Chievo), Zebina (Brescia).

Questi sono invece i sicuri nuovi infortunati che si vanno ad aggiungere a quelli ormai noti:

Piangerelli (Cesena), Zambrotta, Thiago Silva, Flamini, Papastathopoulos (Milan), Vucinic, Julio Sergio, Lobont (Roma), Floccari, Radu (Lazio), Alvarez e Almiron (Bari), Mascara (Catania), Cordova e Caracciolo (Brescia), Lavezzi (Napoli), Antonelli e Marques (Parma), Perez e Mutarelli (Bologna).

Attenzione: alcuni di quelli sopraelencati potrebbero miracolosamente essere convocati. Fa sempre bene dare un’occhiata ad eventuali sorprese dell’ultimo istante.
Da ricordare che Christian Terlizzi del Catania è stato messo fuori rosa dalla società in seguito alle dichiarazioni rilasciate dopo il match contro il Cagliari.
Entriamo adesso nel vivo del gioco con qualche suggerimento ricordando che Fiorentina-Inter si giocherà in data da destinarsi e comunque ogni giocatore dele due squadre (esclusi gli squalificati) prenderà il solito 6 d’ufficio.

Cesena-Cagliari
Primo anticipo che promette scintille. Voglio fidarmi di Bogdani e Parolo nei romagnoli, di Conti e Matri nei sardi.

Milan-Roma
Match aperto a tutti i pronostici anche se col duo Ibra-Robinho e col supporto di Boateng non sarà facile per i giallorossi portare via i tre punti.
In ogni caso: dentro proprio Robinho ma insieme ad Ambrosini (Ibra sapete già che è obbligatorio metterlo).
Juan riproverà l’exploit della scorsa settimana e lo rischierei, mentre Menez è sempre una garanzia.

Lazio-Udinese
Nella gara di pranzo ecco un’appetitosissima partita, una sfida interessante tra vicecapolista e i friulani dal gioco completo.
Potrebbero esserci goal dall’una e dall’altra parte quindi eviterei i portieri.
Dentro Zarate e Mauri per le Aquile, Armero e Benatia per i bianconeri.

Bari-Palermo
Pugliesi ancora più decimati del solito dopo l’infortunio di Alvarez e Gillet. Ma Ventura recupera in extremis Barreto. Vedo bene anche D’Alessandro.
Diventa facile pronosticare gli eventuali marcatori del Palermo ed escludendo Pinilla (che è in dubbio finora), la scelta cade forzatamente su Miccoli e Ilicic.

Catania-Brescia
Se Maxi Lopez finora ci ha delusi ecco spuntare Antenucci: questa può essere la sua vera occasione. Altro nome: Gomez, in fase crescente.
Per i lombardi, assenti Caracciolo e Zebina, direi di stare un po’ attenti a Diamanti e Budel.

Chievo-Juventus
In casa Juve si sta già brindando alla vittoria e questo non mi convince troppo. Anche perchè il Chievo sprofonderebbe con un’altra caduta.
Quindi: Constant e Pellissier per i clivensi, Krasic e Iaquinta per i bianconeri. Storari? Evitatelo.

Napoli-Lecce
Azzurri con assenze importantissime tra cui Lavezzi. Dopo la qualificazione europea, al contrario di altri gruppi, i partenopei saranno ancora più galvanizzati:
puntare su Yebda e Hamsik mi sembra giusto anche perchè immagino che Cavani potrebbe giocare uno scampolo di gara (e sarebbe giusto fargli tirare il fiato).
Attenzione al Lecce dove Piatti ha timbrato il cartellino la scorsa domenica: lo riproverei con accanto Jeda  (Di Michele è in forte dubbio).

Parma-Bologna
Dicendo “Parma”, ultimamente, per associazione d’idee, si pensa “Crespo”. Why not? Insieme a lui inseriamo Angelo, pregevole assistman in cerca del goal.
Tra i felsinei meglio Ramirez e Della Rocca. Di Vaio non dovrebbe ancora essersi ripreso dallo shock di sette giorni fa.

Sampdoria-Genoa
Nel posticipo domenicale arriva il “Derby della Lanterna”: qui può accadere di tutto e perciò è meglio affidarsi ai grandi nomi.
Pazzini e Toni come punte rivali, Lucchini e Milanetto come rifornitori e portatori di bonus (o magari qualcos’altro).

Portieri? Difficile sceglierli questa settimana ma due posso indicarli: Andujar (Catania), Mirante (Parma).

Bene, è tutto per oggi, noi ci rileggeremo anche durante le feste per uno speciale Fantacalcio.
In bocca al lupo e occhio alla penna!

Louis Le Maccarron

Enzo Pérez al Catania? Intanto Giampaolo si prepara per il Brescia

Enzo Nicolás Pérez, possibile scambio con Barrientos

Tra le voci di calciomercato che circolano in casa Catania, la più concreta sembra essere quella dell’arrivo di Enzo Perez, esterno di centrocampo argentino in forza all’Estudiandes.
Enzo Nicolás Pérez, classe 1986, gode di tre convocazioni nella Nazionale Argentina ed è valutato intorno ai tre milioni di euro.
Il Catania può averlo dando come contropartita Pablo Barrientos, fortemente cercato dal club sudamericano. Sarebbe così accontentato il tecnico Marco Giampaolo che in settimana aveva chiesto un acquisto proprio nel reparto di centrocampo.
E’ uno, dicevamo, dei probabili acquisti del mercato di gennaio tenendo conto che dalla città etnea partiranno alcuni “pezzi” come Terlizzi (messo fuori rosa dopo le dichiarazioni rilasciate dopo la sconfitta di Cagliari) e, forse, Delvecchio e Pesce.

Intanto, per la 17ª di campionato, Marco Giampaolo ha già deciso di schierare un 4-3-1-2 molto offensivo per superare il Brescia.
Questa è la più probabile formazione:
Andujar, Potenza, Silvestre, Bellusci, Capuano; Ledesma, Sciacca, Carboni; Gomez; Antenucci, Maxi Lopez.

Oltre a Martinho e Morimoto squalificati, saranno assenti Alvarez, Spolli, Augustyn, Biagianti, Mascara e quasi certamente Llama, oltre al già citato Terlizzi.

Orsato dirigerà Catania-Brescia

Sarà il sig. Daniele Orsato della sezione di Schio a dirigere Catania-Brescia di domenica 19 dicembre, match del 17° turno valido per il campionato di serie A 2010/11.
Gli assistenti designati sono i sigg. Bianchi di Lucca e Altomare di Molfetta.
Quarto ufficiale il sig. Massimiliano Velotto di Grosseto.

Col fischietto il Catania conta sette precedenti:
una sola vittoria (il 3-0 sul Napoli del 2008) , due pareggi e quattro sconfitte.
L’ultima gara diretta risale alla stagione 2009/10 e più esattamente allo scorso 2 maggio: Catania-Juventus 1-1.

Lo Monaco: “Giampaolo resta, non ci sono discussioni!”

Dopo la pesante sconfitta di Cagliari e il conseguente silenzio stampa imposto dalla società, l’unico a poter parlare è l’AD Pietro Lo Monaco che nella conferenza stampa di ieri pomeriggio a Massannunzianta non le ha mandate a dire.
A partire da chi ha parlato di momento negativo del Catania. Questa la sua dichiarazione:
-“Fino alla gara contro la Juve abbiamo fatto il nostro dovere mettendo anche in difficoltà persino la principale rivale del Milan nella corsa allo scudetto. Il Catania ha fatto quello che doveva, quella di Cagliari la considero una pagina negativa della storia del Catania e penso che sia una gara non commentabile, troppo brutta per dare una parvenza minima di squadra. Sono convinto che avremo una reazione immediata e di carattere. Questa squadra ha sempre dimostrato di avere gli attributi”-.

Poi le domande cadono sul famigerato modulo di Marco Giampaolo e le dichiarazioni di Terlizzi nel postpartita:
-“A Catania nessuno si è mai permesso di esprimere in maniera così sfacciata opinioni tattiche, addebitando ad esse sconfitte e momenti negative. Mi risulta che lo abbia fatto domenica scorsa soltanto Terlizzi. Le sue parole non fanno testo perché la prestazione del Catania a Cagliari non si può giudicare. Avrebbe dovuto farsi un esame di coscienza prima di parlare, non solo sulla gara di Domenica ma sui tre anni passati a Catania. Comunque saranno presi i giusti provvedimenti. La lingua non si può usare per fare danno e Terlizzi deve stare zitto. C’è poca lucidità nel commentare una sconfitta cocente che speriamo di riscattare. Domenica non si è perso per il modulo, è stato sbagliato l’atteggiamento: nessun giocatore si può permettere di offrire prestazioni del genere”-.

Un’altra stoccata sul netto calo di abbonamenti stagionale:
-“E’ surreale passare da 16.000 a 9.000 abbonati. E’ un dato pesantissimo”-.

Sul futuro di Giampaolo non ha alcun dubbio:
-“E’ il nostro allenatore, l’abbiamo scelto e lo supportiamo. Non ci sono discussioni, dobbiamo modificare la testa dei nostri giocatori. Sono convinti di poter ambire tutti a grandi squadre, mentre la loro ambizione deve esser solo quella di far bene al Catania. Devono sentirsi orgogliosi di stare qui. Prime donne non ne vogliamo, non ce le possiamo permettere. Abbiamo sempre avuto squadre di guerrieri ed anche quest’anno sono sicuro che l’animo dei guerrieri uscirà fuori. Quando le cose non vanno bene le colpe vanno divise fra tutti: se in campo vanno i giocatori, la partita la preparano staff tecnico e società. Quello di Cagliari deve essere per noi solo un episodio”-.

Infine, un’occhiata al calciomercato:
-“In un mondo a zero contenuti, il calciomercato è diventato importantissimo: fa scrivere i giornali, fa parlare radio e tv. Notizie inventate, messe in piedi solo per far clamore. Maxi Lopez è dato ovunque: alla Juventus, al Bayern, invece non ha avuto nemmeno una richiesta. I giornalisti chiamano i giocatori, siamo alla pazzia più totale. Ma la colpa è dei giocatori: dovrebbe essere il giocatore ad avere una professionalità tale da farlo concentrare solo sulla partita. Ma si può credere che la Roma voglia Izco? Solo Izco può crederlo. Invece già il solo essere a Catania è il massimo a cui possa ambire. Gestire Maxi Lopez, che crede di poter andare alla Juventus, è difficile: in questa stagione ha messo a segno solo due reti, non è un caso. Il silenzio stampa è motivato onde evitare ai giocatori di rilasciare dichiarazioni insulse”-.